Tag: JCI_Marsa

L’iniziativa tunisina all’insegna dell’umanità e fratellanza

L’iniziativa tunisina all’insegna dell’umanità e fratellanza

Koffet Romdhane, che significa letteralmente la cesta di Romdhane, e’ un’iniziativa tutta tunisina organizzata dai giovani del JCI (Jeune Chambre Internationale) di Bardo. In vista del sacro mese di digiuno, i ragazzi della ONG Internazionale hanno deciso di organizzare una colletta con l’hashtag #Koffet_Romdhan chiamando tutti i cittadini tunisini a contribuire attraverso donazioni monetarie o semplicemente regalando cibi di primaria necessita’, come pasta, pane, zucchero e sale permettendo cosi anche alle famiglie più’ disagiate di godere di un vero e proprio Fitr al tramontare del sole. Nourhen Châabani, membro dell’organizzazione da qualche mese, precisa che l’iniziativa e’ alla portata di tutti e cita un passaggio religioso per ricordare che Allah non dimentica nessuno e che aiutare non ha mai fatto del male. ‘Non chiediamo donazioni cospicue, siamo aperti a ogni tipo di contribuzione, che sia un Dinaro o una lattina di pomodori pelati. Anche un liceale potrebbe partecipare all’iniziativa, rinunciando per una volta alla merenda ed utilizzando 500 centesimi per comperare una confezione di pasta. Siamo convinti che mattone dopo mattone si possa costruire tranquillamente un castello e confidiamo nell’umanità. Un Dinaro potrebbe non valere molto per qualcuno ma sarà proprio quel Dinaro a fare la differenza ad altri meno fortunati’.

 I ragazzi del JCI, tutti tra i 18 e 40 anni, sono unanimi nella decisione di fare un porta a porta tra i quartieri della capitale nordafricana tra cui Bardo, Mannouba, Bab Souika e La Marsa per distribuire le ceste ed augurare Romdhane Moubarak di persona. Nourhen, annuncia incredula che grazie alla popolarità’ dell’hashtag e alle svariate interviste radiofoniche rilasciate nelle ultime settimane il JCI ha già ricevuto moltissime telefonate e donazioni.

Nonostante la giovane eta’, i ragazzi dell’Organizzazione dimostrano grande volontà, maturità e compassione nei confronti di un popolo che ancora arranca e soffre le ripercussioni del cambiamento politico. Koffet Romdhane e’ senza ombra di dubbio un’iniziativa che apre un varco alla speranza, puntando i riflettori su una nascente gioventù’ attivamente pronta al cambiamento.

 

 

Se la fede
è un dono che si riceve,
la speranza è una decisione personale
che impegna lo sforzo della propria volontà.
Occorre decidere di sperare,
concepire una decisione
che genera la speranza e la fa nascere:
solo iniziando concretamente a sperare
si può accrescere la speranza!

Enzo Bianchi, 2007

Annunci